• Google Art Project
  • Facebook
  • YouTube
  • Flickr
  • Trip advisor
  • Twitter
  • Followgram
  • Pinterest

Casa di Pinerolo

Casa di Pinerolo Le finestre hanno cornici ornate da un tralcio sinuoso di voluminose foglie lobate (il motivo decorativo più comune nell’edilizia piemontese) o da formelle con steli di fiori a cinque petali, con foglie e boccioli (di zucca?), un modellato forse di origine lombarda ampiamente diffuso in Piemonte e nella pianura padana. Sulla facciata sono collocate le due figure dell’Annunciazione, copia di un originale di cultura borgognona databile al 1470 circa conservato al Museo Civico di Torino e proveniente dalla Casa del Senato di Pinerolo. Sul fianco della Casa di Pinerolo, all’ingresso nel cortile di Avigliana, è murata un’anconetta in maiolica dipinta, raffigurante la Madonna in adorazione del Bambino. Riproduce una caratteristica maiolica bianca e azzurra della bottega dei Della Robbia, di cui sopravvivono oltre trenta esemplari rinascimentali. L’icona del Borgo fu realizzata nel 1884 dalla Manifattura fiorentina di Ulisse Cantagalli.